Archivi categoria: roadtrip

Gita a Sorrento, e Peninsula Hot Springs

La scorsa settimana ho avuto un’ospite per 6 giorni a casa mia. Simoncina, compagna di liceo, che al momento vive in Nuova Zelanda e nel viaggio di ritorno dall’Europa ha deciso di fermarsi qui per qualche giorno a Melbourne! E’ stato incredibilmente rigenerante, divertente e sorprendentemente facile! 

Io e Simo negli ultimi (credo) 6 anni, da quando lei è andata a vivere prima a Bruxelles e poi a Nizza, e io in Australia, ci siamo sempre viste solo una volta all’anno, se non di meno. Siamo sempre andate molto d’accordo, ma non abbiamo mai fatto una vacanza insieme, non abbiamo mai passato più di una giornata insieme e diciamo che fondamentalmente non sapevamo più niente della vita l’una e dell’altra. E invece, è stata una passeggiata! Abbiamo deciso insieme cosa fare e dove andare, ce la siamo presa con calma, perchè in fondo eravamo entrambe in vacanza (e Simo nonostante la melatonina bomba, era comunque piena di jetleg!), ed ha funzionato benissimo!

L’ho portata a vedere alcuni dei miei posti del cuore, ma ci siamo anche avventurate in località dove ho sempre voluto andare ma mai avuto il tempo o la macchina per andarci! Tra questi, c’è la peninsula e le terme!
Continua a leggere Gita a Sorrento, e Peninsula Hot Springs

Annunci

Gite fuori porta organizzate malissimo ma in posti magnifici

Wilsons Promontory è un altro di quei posti che, come la Great Ocean Road, ho già visto due volte ma entrambe le volte molto superficialmente per mancanza di tempo. Ed è uno di quei posti dove vorresti restare per almeno una settimana ed esplorare in lungo e il largo, non un paio di giorni. La prima volta è stato un roadtrip combinato da un giorno all’altro. Neanche troppo combinato a dir la verità. Erano ancora le vacanze di Natale, e un mio amico aveva qualche giorno libero prima di tornare a lavoro e mi ha proposto di partire il giorno dopo in macchina. Era un martedì. Sfiga ha voluto che io il venerdì, ovvero tre giorni dopo avevo già dato conferma per guardare due bambine. Il mercoledì siamo partiti abbastanza tardi dopo pranzo, abbiamo raggiunto il prom nel pomeriggio e fatto un giro nella spiaggia più popolare, per poi finire ad accamparci nascosti dietro ai cespugli, totalmente illegalmente (pessima idea quella di partire durante le vacanze senza aver neanche guardato la disponibilità dei campeggi nei dintorni). Il giorno dopo l’avevamo poi dedicato a vedere altri posti nei dintorni mentre tornavamo verso nord. Ci siamo fermati a Sandy Point, una spiaggia estesa per kilometri, ma decisamente troppo ventosa; e la seconda tappa è stata Inverloch, altra spiaggia lunghissima, dalla sabbia bianchissima e morbidissima.

La seconda volta a Wilsons Prom, ci sono andata con le mie due coinquiline. Katherine aveva prenotato una piazzola per 3 notti mesi fa. Era mesi che ne parlavamo ed eravamo tutti molto eccitati di fare un viaggetto insieme. E poi io ho fatto casino come al solito e ho detto a una famiglia che ero disponibile a guardare il loro bambino piangente la sera di sabato. E quindi, decidiamo di partire giovedì invece che venerdì, in modo da aver più tempo. Ma poi giovedì non partiamo prima delle 7 di sera, ci perdiamo nella periferia di Melbourne, arriviamo a un campeggio a metà strada alle 11 di sera, piantiamo le tende, beviamo e smangiucchiamo e il giorno dopo partiamo super tardi, ci fermiamo a metà strada per un caffè, e arriviamo al campeggio di Wilsons Prom che era passata l’ora di pranzo. Decidi come e dove montare le tende, fai una doccia (una docciaaa???? prima di buttarti nell’oceano??), fai pranzo/merenda, fai un caffè…a un certo punto ho detto “ragazzi io domani mattina devo andarmene presto per evitare il traffico della città, perchè non andiamo a buttarci in spiaggia?”. Che fatica organizzare 5 persone.

Continua a leggere Gite fuori porta organizzate malissimo ma in posti magnifici

Great Ocean Road #1 #2 #3

Happy New Year everyone!
Quest’anno (come forse ogni anno) ho deciso di non fare la lista dei buoni propositi. L’unica promessa che ho fatto a me stessa il 1 gennaio, è di occuparmi meglio e con più costanza del mio corpo e della mia mente. Il che non vuol dire andare in palestra o mettersi a dieta. Semplicemente essere più consapevoli di ogni mia azione.
Ma bando alle ciance, non ho nessuna voglia di parlarvi dell’anno appena passato e del futuro che non posso prevedere. Voglio parlarvi dell’Australia e delle sue meraviglie!

Se siete in visita a Melbourne per qualche giorno e avete esaurito le opzioni di cose da fare e vedere, o avete voglia di una gita fuori città, la Great Ocean Road è una delle attrazioni turistiche più famose del Victoria. Della serie che se vivete a Melbourne da un po’ e non ci siete mai andati, forse è meglio che provvediate subito. https://www.visitgreatoceanroad.org.au
Continua a leggere Great Ocean Road #1 #2 #3

Tasmania: istruzioni per l’uso (parte 1)

Qualche giorno fa mi sono ritrovata a parlare di Tasmania con qualcuno che si lamentava del fatto che la gente in Tasmania è scortese e maleducata. Io non ho avuto quell’impressione. Ma forse perchè non abbiamo avuto troppi contatti con i locali, e quei pochi che abbiamo incontrato solo stati molto gentili! Se ripenso alla Tasmania, ho ben chiari i suo magnifici paesaggi, i campi di papaveri a picco sul mare, le sue strade con le curve e nessuna ricezione telefonica o radio, il vento assurdo che quasi ti porta via, i parchi nazionali e Cradle Mountain e l’opossum nel van che voleva fare cena con noi! Sono passati ormai quasi 8 mesi, e non vi ho mai raccontato niente di quel roadtrip. Sono stata travolta dalla vita universitaria nonchè dalla vita con i coinquilini, dalla vita in generale. E poi, riassumere tutto il viaggio di due settimane in un post, con tutte le cose viste e fatte, è sempre complicato. Non ho il dono della sintesi, e soprattutto è difficile riportarvi le cose con ordine cronologico. Per questi motivi ho sempre rimandato.

La Tasmania è quell’isola a sud dello stato del Victoria (dove c’è Melbourne per capirci) famosa per il diavolo della Tasmania e molto vicino all’Antartide. Ci sono anche le balene e i pinguini nel caso ve lo steste chiedendo..ma l’unico pinguino che ho visto in Tasmania era su un sentiero, ed era appena stato sgozzato/mangiato da qualche uccellaccio cattivo. Sullo stesso sentiero papà è stato attaccato dalle sanguisughe…la prima sulla coscia e la seconda in testa! Non una bella prima esperienza nei parchi naturali, e non un bello spettacolo per il sangue che colava senza sosta, ma animaletti molto interessanti. Ecco mi sto dilungando con dettagli insignificanti per voi lettori.

La Tasmania è anche famosa per i suoi parchi naturali e per l’Overland Track, e per essere stata uno dei luoghi in cui gli inglesi hanno sterminato atrocemente la popolazione aborigena per trasformare l’isola in colonia penale.

Continua a leggere Tasmania: istruzioni per l’uso (parte 1)

Fraser Island_il mio posto del cuore

Fuori tira un vento che ho paura di volare via con il mio bungalow. Un bicchiere di vino rosso, non troppo schifoso, preso con lo sconto di Coles, Ben Harper in sottofondo, un incenso, luce soffusa e qualche candela profumata e scrivo. E’ l’atmosfera e il giorno giusto per scrivere. E così mi sono messa a scrivere di botto il secondo articolo per Madre in Italy, con cui ho iniziato a collaborare (si può dire così, Francesco?), e nel frattempo, un po’ contemporaneamente, anche questo. Insomma la mia testa brulica di informazioni che necessitano di essere messe per iscritto. Ho iniziato a scrivere perchè qualche giorno fa ho letto un altro post sul blog di Emy riguardo alla sua esperienza a Fraser Island.
Che è stata molto diversa dalla mia!

Se mi chiedete cosa mi è piaciuto di più di quello che per ora ho visto dell’Australia non sarò scontata nel dirvi Sydney, Uluru, Whitsunday Island, le balene e i delfini in WA (ovviamente sono state esperienze sensazionali!)…è Fraser il posto dove ho lasciato un pezzo di cuore, il posto dove vivrei tranquillamente il resto dei miei giorni, in pace.

Western Australia in 10 giorni

L’Australia è grande, è un fatto. E il Western Australia è lo Stato più grande, anche rappresentato dalla stella più grande sulla bandiera australiana.
Dieci giorni è un tempo davvero limitato considerando la miriade di cose che offre l’Australia, quindi se non si ha tempo di girare in lungo e in largo è bene decidere prima di partire dove andare.  Ovviamente, come potrete immaginare, non ho girato tutto lo stato in 10 giorni, anzi ne ho visto una parte piccolissima, seppur avendo percorso circa 3mila km in macchina!
wa copia
Continua a leggere Western Australia in 10 giorni

Day 16-18_Townsville/Whitsundays…rotolando verso Sud!

Abbiamo adottato il metodo di smontare tutto dopo aver fatto colazione, impacchettare la macchina, e quando tutto è pronto farci la doccia prima di rimetterci in viaggio. Ovviamente questo metodo è applicabile se la c’è la doccia, altrimenti giù di deodorante. All’Ashton Hotel la doccia c’era…ad offerta libera siccome il posto era lontano dal paese e dovevano pomparsi l’acqua indipendentemente. Gli abbiamo comprato un gelato…alle 9 di mattina, colazione dopo la colazione sana! 🙂 Continua a leggere Day 16-18_Townsville/Whitsundays…rotolando verso Sud!