Archivi categoria: city life

Incontri e scambi

La mia password del computer è HappyEle2016 (poi magari domani la cambio). Il 2016, dopo un anno in Australia ad adattarmi, è l’anno in cui ho deciso di lavorare su me stessa e stare bene. Basta attacchi d’ansia nei supemercati, attacchi di pianto in biblioteca, basta perdere il controllo, basta fare scelte perchè ‘è la cosa giusta da fare’. Il 2016 è stato l’anno in cui ho SCELTO di essere felice, di nuovo. E mi piacerebbe  dire che lo sono. Sempre. Ma mentirei. La verità è che, se ancora non lo aveste capito, la felicità per noi essere umani è un sentimento temporaneo. La felicità non esiste. E voi direte “ ma che ne sa Elena di felicità”. Assolutamente niente e non ho questa presunzione. Ma ho iniziato un percorso, e ho voglia di raccontarmivi la mia verità. Come ho sempre cercato di fare.

La felicità come la pensiamo noi occidentali non esiste. L’essere umano è, e sarà eternamente insoddisfatto se e quando vive secondo le regole sociali contemporanee. Il segreto non sta nel fare di tutto per raggiungere la felicità nostra (e degli altri). Il segreto sta nel capire chi siamo, cosa vogliamo, ed esprimere il nostro essere interiore, essere i veri noi stessi, trovare il proprio dharma, il proprio sentiero e seguirlo (ciò non significa che se hai studiato architettura il tuo dharma è diventare architetto e fare la fame tutta la vita). Una passeggiata considerando la rete intricata di sentieri inesplorati tra cui scegliere che ci troviamo costantemente di fronte.

Sto divagando come al solito.

Continua a leggere Incontri e scambi

Il “mio” angolo di paradiso

C’è un posto a Melbourne, conosciuto a molti, ma non a tutti, dove si respira aria di campagna, pur essendo nel mezzo della città. E’ Abbotsford Convent e tutto il terreno che lo circonda. E’ un angolo di paradiso. Il mio angolo di paradiso. Anche se c’è sempre un sacco di gente, soprattutto adesso che inizia a fare caldo! 

fullsizeoutput_1b81

Continua a leggere Il “mio” angolo di paradiso

La mia vita da single…

…è stata molto colorita in questi tre anni in Australia. Ma mi sono resa conto che non ve ne ho mai parlato. Però ve lo voglio raccontare, perchè è la domanda a cui rispondo più spesso “Ele come va? Ti stai vedendo con qualcuno? Racconta…”

E quindi, eccomi, ve lo racconto. E no, non mi vedo con nessuno al momento

Ognuno è diverso e vive la sua esperienza in Australia in modo diverso. E io vi racconto, come sempre, la mia. C’è chi arriva in Australia con il partner e ci rimane (con il partner), c’è chi arriva con il partner e non torna, c’è chi parte con un partner e ritorna single o con un altro, c’è chi arriva da solo e trova un partner australiano, italiano, cinese etc e decide di mettere su famiglia qui in Australia. C’è chi arriva da solo e riparte da solo.  Continua a leggere La mia vita da single…

Le serate tranquille con le amiche.

Anche Anna se n’è andata. Questa cosa di salutare gli amici mi sta sfuggendo un po’ di mano. Sono stati troppi negli ultimi mesi. Adesso basta.

Anna però è partita con il botto si può dire. Non solo sarà difficile dimenticare lei, ma sarà difficile dimenticare l’ultima serata passata con lei!

Sabato sera siamo uscite. E’ stata una serata colorita. Bianco, verde, blu, rosso, nero, giallo e blu…questi i colori di ieri sera.

BIANCO perchè era il giorno del Royal Wedding. E io non potevo perdermelo. Così come non potevo non uscire con la mia amica solo perchè Harry e Meghan si sposavano in diretta mondiale. Per fortuna agli australiani piace guardare gli eventi importanti al pub. Sì, anche il matrimonio reale.
Continua a leggere Le serate tranquille con le amiche.

Richmond Vs Melbourne

Finalmente, dopo tre anni che vivo in Australia, sono andata allo stadio a vedere una partita di Footy, o Australian Rules. Il footy non è il football, né inteso come calcio né come football americano. E’ una cosa tutta diversa. Ma che poi se si guardano le regole, si potrebbe dire che è un misto tra il calcio e il football americano. Solo molto più violento, sul campo. Perchè invece sugli spalti, a parte qualche urla “Ballllll” e battito di mani, è come essere a casa seduti sul proprio divano.
La differenza sostanziale tra il calcio/football e l’AFL (Australian Football League) è che gli australiani lo prendono davvero sul serio. Hanno pure istituito festa nazionale il giorno della finale! Un po’ come se in Italia, il giorno della finale di Coppa, fosse un altro 1 maggio, o 25 aprile. Insomma, quando gli australiani fanno una cosa la fanno come piace a loro.

“Go big or go home!”
Continua a leggere Richmond Vs Melbourne

Cosa mangi in Australia?

Questa domanda mi è stata posta parecchie volte, soprattutto da persone che hanno viaggiato poco, e ogni volta che viaggiano cercano la cucina italiana e hanno paura di sperimentare. La risposta è semplice: mangio tutto. Non tutto tutto ovviamente, sono sempre vegetariana, quasi vegana se volete proprio saperlo, e onestamente non è mai stato così facile come da quando mi sono trasferita in Australia! I canguri non li mangio, neanche i koala( i koala sono in via d’estinzione quindi non li mangia nessuno…ne vengono ammazzati tanti quando vengono tagliati gli alberi delle immense piantagioni, quello si, ma mangiarli mi sembra un po’ eccessivo) e tantomeno i coccodrilli. Ma c’è gente che lo fa. I burger di kangaroo si trovano regolarmente nel banco frigo del supermercato. E fa un po’ senso. Però insomma, in Italia mangiate il cavallo, i conigli, in Vietnam mangiano i cani…quindi non sembra neanche tanto assurdo che downunder mangino il canguro. Adattare la mia dieta e le mie necessità alimentari in Australia è stato molto semplice, perchè qui c’è davvero tanta scelta. Certo, magari frutta e verdura non sono molto saporiti, i pomodori e le patate hanno lo stesso gusto, per comprare un limone devi aprire un mutuo in banca e mancano quei buonissimi formaggi stagionati che si trovano da noi. Ma con un po’ di apertura mentale e adattamento, si mangia bene, e anche meglio oserei dire. Continua a leggere Cosa mangi in Australia?

Primavera sinonimo di EVENTI!

La primavera è ormai sbocciata da un po’ qui a Melbourne! Fa leggermente più caldo, ho messo in pensione la mia leale compagna “stufetta”le strade profumano di eucalipto e gelsomino e fiori di limone, la gente esce di più e soprattutto a Melbourne ci sono un sacco di cose da fare! Tutto è iniziato con il MIFF (Melbourne International Film Festival), che era a fine agosto e che purtroppo quest’anno mi sono persa. Da metà agosto è stato un susseguirsi di cose interessanti da fare e vedere. Iniziano i festival, mostre interessanti alla galleria nazionale, per poi culminare nei famosi festival musicali spesso a qualche ora di macchina dalla città.

Ma andiamo con ordine e vediamo cosa sono riuscita a fare io tra tutte le opzioni? (pochissimo rispetto a quanto avrei voluto in realtà).