Australian NEWS (a modo mio) – Incendi

Ho deciso di utilizzare questo spazio per raccontarvi di questo paese e di quello che succede. Mi sono resa conto che lo faccio poco, concentrandomi di più su cosa faccio io e sulle mie riflessioni. E chi non c’è mai stato continua a pensare che l’Australia sia il mondo dei balocchi. Il problema è che non ho idea di che notizie arrivino in Italia. Ogni tanto mamma mi manda degli articoli che trova sul Guardian o CNN. Di sicuro avrete sentito degli incendi che stanno devastando il New South Wales. Ma poi…vi arrivano notizie del POI? E le notizie minori? Gli incendi in Victoria? Il fatto che il venerdì prima di Natale a Melbourne ci fossero 44 gradi e la città era coperta da una leggera coltre di fumo arrivata dagli incendi fuori Melbourne?
Quindi stamattina ho aperto il quotidiano The Age, e dopo aver letto i primi due articoli ho pensato che fosse interessante aprire una diversa rete di comunicazione e condividerli con voi. E poi magari potreste anche farmi delle domande se vi interessa sapere qualcosa di più o di diverso? Non aspettatevi oggettività. Sapete come penso e come scrivo. Siete avvisati!

Parlando di incendi…sono iniziati almeno tre mesi fa. La stagione degli incendi di solito si apre con l’inizio dell’estate (1 Dicembre). Vivendo in città nella nostra bolla, siamo ignari di quello che succede intorno a noi. Ma solo perché non li vediamo o annusiamo, non vuol dire che non esistano.

The Sydney Opera House is seen as smoke haze from bushfires drifts over the CDB in Sydneyaustralia_bushfires_1573708895img-bushfire-nsw1000pxizbrB6iJyrQFsmHspJBN_VRt-XZmm2rOhVB4jLQ_3S8ycfzd9ncqvx31

Gli incendi si possono monitorare tramite i website delle Fire Authority di ogni stato:

Quello che è successo nelle ultime due settimane si può riassumere così. Il primo ministro Scott Morrison (che va a braccetto con Trump) era in vacanza alle Hawaii con la famiglia quando la situazione incendi in NSW è degenerata e due pompieri sono morti. Il giorno della grande ondata di caldo, venerdì 22 Dicembre (44 gradi), Morrison annuncia che anticipa il ritorno dalle vacanze per affrontare la crisi incendi. Morrison ritorna in Australia e durante una conferenza stampa accetta le critiche e si scusa per l’agitazione e lo scombussolamento provocato. In più aggiunge che il governo non cambierà le politiche sul cambiamento climatico (perchè, aggiunge, gli incendi non sono collegati con i cambiamenti climatici) rifiutando le richieste di una risposta/proposta più drastica e ambiziosa contro i cambiamenti climatici.

Queste le sue parole:

“I just want to say thank you. Thank you and god bless you. Stay safe.”/// Voglio solo dire grazie. Grazie e Dio vi benedica. Cercate di stare al sicuro.
“It is time to be kind to each other,” /// E’ il momento di essere buoni l’un con l’altro
“It is not a time for argument, it is not a time for partisanship, it is not a time for point scoring. It is a time to support people who have an important job to do, to give them the space and time, to give them the support they need. /// Non è il momento per discussioni, non è il momento per la partigianeria odi segnare punti. E’ il momenti di supportare chi ha un lavoro importante da svolgere, di dargli il tempo e lo spazio e il supporto necessario.
“We need to rally together. The time for argument is not now. It is not to say there is no time to talk about climate change – of course there is, and we are talking about it. But let’s do it in a way that does not distract from the very immediate need of defending people’s lives./// Dobbiamo radunarci. Non è il momento per discussioni. Non vuol dire che non c’è tempi per parlare di cambiamenti climatici – certo che c’è, e ne stiamo parlando. Ma facciamolo in modo che non distragga dal bisogno immediato di salvare vite umane.
“I simply ask people, particularly at Christmas time, to reflect on that, to come together to support each other and to focus on the things we need to do now.”/// Chiedo semplicemente, soprattutto durante il periodo natalizio, di riflettere e unirsi e supportarsi a vicenda per quello di cui abbiamo bisogno adesso.

Brutto c***njvehsuhsbthbv pallone gonfiato, è esattamente quello che la comunità sta facendo. I pompieri stanno lavorando a gratis da giorni. Ieri ho ricevuto una chiamata da una delle fire Authority che chiede fondi per supportare non solo le famiglie dei pompieri, ma assicurare che abbiano le attrezzature e sopravvivano all’inferno! E tu brutta testa di cazzo stai ancora discutendo con gli altri premier quale sia il modo migliore per pagare i volontari. Se proprio non ne vieni a capo, sicuramente i volontari possono darti qualche suggerimento!

Nel frattempo, 1000 koala sono morti negli incendi, l’80% del loro habitat è stato distrutto (i koala si nutrono solo di eucalipti che ci mettono mesi prima di ricrescere) e sono considerati ‘functional’ estinti, cioè quando un koala vivo oggi può avere un piccolo, e quel piccolo in futuro non può più avere piccoli.

Fino ad ora, in Australia gli incendi hanno bruciato e distrutto 5 milioni di ettari di territorio e ucciso 9 persone. 

670e91a243b05e6fd0caef8677719883

2 pensieri riguardo “Australian NEWS (a modo mio) – Incendi”

  1. Si è vero che noi qui in Italia, ma credo nel mondo, stiamo seguendo la vicenda degli incendi in AUS, e non solo perché qualcuno ha parenti migrati li; certo su The Guardian Australia se ne parla ogni giorno, come su BBC News, ma mi ha anche molto colpito una puntata di Leonardo, la trasmissione scientifica di Rai3 verso le 15, sulle cause di queste devastazioni del continente Aus, dovute all’innalzamento di 1 grado e 1/2 dell’acqua dell’oceano indiano , che provoca un mutamento delle correnti marine profonde, con il risultato che una parte delle coste sono devastate dalle alluvioni ! mentre la parte opposta , dove non piove quasi più, è devastata dal caldo secco , autocombustione ecc con i risultati che stiamo osservando, e voi vivendo. Dunque la causa non è come in Brasile la cupidigia e il dolo umano, ma proprio il frutto del Riscaldamento dei mari , cioè del CAMBIAMENTO CLIMATICO , come sostengono studiosi e scienziati , alla faccia di Morrison ! Il quale, voglio ricordare, alla recente Conferenza dei Paesi oceanici , alla richiesta all’Aus da parte di isole che si stanno letteralmente inabissando e spariranno nei prossimi anni, di limitare le emissioni di co2/uso intensivo carbone , ha risposto che l’Aus farà ciò che piu le converrà , e al massimo metteranno un po’ di soldi a disposizione per fare dighe o spostare abitanti ! Questa politica si chiama imperialismo. E sappiamo bene fin dove si può spingere…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...